mercato

Moncler Gamme Bleu collezione autunno inverno 2014

Moncler Gamme Bleu collezione autunno inverno 2014

Argyle, argyle everywhere: il famigerato motivo a losanghe presenza Går Man Ner I Vikt usuale su maglioni sportivi da perfetto inglese di raccordo tra campagna e città è il pattern sul quale la collezione autunno inverno 2014/2015 di Moncler Gamme Bleu ha sviluppato tutti i suoi abiti, presentandoli alla sfilata di Milano Moda Uomo di gennaio 2014.

Il video che vi mostriamo è per gentile concessione del nuotatore olimpico Filippo Magnini, presente alla sfilata tra il pubblico dopo la sua apparizione Giubbotto Peuterey di ieri a quella di MSGM assieme alla fidanzata Federica Pellegrini.

Come Går Man Ner I Vikt anche ieri MSGM, il brand francese di piumini Moncler ha portato in passerella uomini e donne insieme, tutti vestiti di jacquard per la presentazione e il debutto della linea femminile di Gamme Bleu. Potrebbe far sorridere pensare che abbiano deciso di far sfilare la collezione femminile durante la Milano Moda Uomo, specificatamente dedicata al menswear, ma sono piccoli accorgimenti per catturare ancora più l’attenzione.

Il motivo jacquard è stato proposto in rosso e blu oppure in verde e rosa a illustrare piumini, gonne trapuntate, calzettoni da lord per una serie di look Gå Ner I Vikt Snabbt Piller non Scarpe UGG Online facili e non per tutti, ma di forte ispirazione e caratterizzazione se presi nei singoli pezzi.

Grigi in contrasto e layering esagerati tra diversi spessori di tessuto per Moncler Gamme Bleu: una collezione autunno inverno 2014/2015 per lui (ma anche per lei) davvero impressionante, fatta di mille dettagli da controllare e selezionare con attenzione.

Vale Gå Ner I Vikt Snabbt Piller la pena andare oltre i capi più costruiti e d’impatto, come le gigantesche tute trapuntate che potrebbero dare un twist particolare ad Peuterey Bambino una vacanza sulla neve o le gonne scultura a macrojacquard (che Gå Ner I Vikt Snabbt Piller sarebbero perfette per un red carpet in alta montagna), per trovare i capi più “quotidiani” in grado di portare un po’ di fantasia aristoinglese nel proprio guardaroba.