mercato

Il reportage narrativo di LIVIANO D

Il reportage narrativo di LIVIANO D

Seduto al proprio posto, in doppiopetto e cravatta, le gambe accavallate, isolato in prima Gå Ner I Vikt Snabbt Piller classe, lontanissimo dall di Quadro aziendale l medio di quello stesso mezzo, brulicante di telefoni e computer, in seconda classe Berlusconi divideva lo spazio con lo squarcio rettangolare del finestrino, il punto il cui lo sguardo compiaciuto dell riponeva per una volta la seduzione frontale, Viktminskning Tabletter per cercare un serenità nel paesaggio laterale toscano, ridotto a stereotipo da cartolina.

Dolci colline idilliache, il verde luminoso, lo sfondo fotogramma di una qualsiasi pubblicità.

Chissà se fosse vivo Piero della Francesca. Forse ritrarrebbe il Battesimo di Cristo e sullo sfondo non potrebbe mancare un dismessa, un capannone e un cane che abbaia impazzito nel cortile, uno di quei capannoni che da anni espongono teloni e grandi scritte affittasi o vendesi, numeri di telefoni appartenuti ad agenzie immobiliari, ora forse chiuse.

Qual è allora l Il minuscolo giardinetto tenuto ad abbaglio, o molta parte del paesaggio ridotto a ferita, cicatrice peraltro inutile, in quanto spesso dismessa?

Basterebbe davvero guardare fuori dal finestrino per intuire che, forse, la peculiarità di qualsiasi paesaggio è il rimpianto di ciò che non è.

In una situazione come quella che viviamo da parecchi anni, la tentazione di comporre opere che lanciano solo urla di dolore è facile e gratificante. Ma il compito di ogni artista è cercare di dire la propria verità, non certo di avere ragione.

Un esempio in tal senso è un letteraria anomala, a metà tra il reportage giornalistico e la prosa, con slanci narrativi che fanno dimenticare il punto di partenza per portarci altrove.

Invisibile è la tua vera patria (Il Saggiatore) di Giancarlo Liviano D è un viaggio italiano, da sud a nord, nei luoghi che hanno subìto la scomparsa o il ridimensionamento del lavoro; sono tutti posti in cui la presenza dell intesa, in un caso, anche come industria del divertimento ha trasformato il paesaggio e inciso le esistenze delle persone che hanno vissuto lì.

L di Taranto, l di Ivrea, Giubbotto Peuterey Uomo la ex centrale nucleare del Garigliano, il villaggio operaio di Crespi d la Palermo ottocentesca dei Florio, la miniera sarda dismessa a Montevecchio, e infine LunEur, l luna park della capitale.

L ha usato alcune guide, memorie storiche dei luoghi stessi. Emblematico il caso di Amedeo, ottantenne ex Scarpe UGG lavoratore dell di Taranto, rimasto vittima, molti anni fa, di un incidente che lo ha reso cieco. Eppure, a distanza di decenni, Amedeo riesce ancora a distinguere i luoghi dall e grazie a quel cortocircuito dei sensi ascoltiamo la storia di Martino Calimero, spietato selezionatore abusivo del personale, un uomo che reclutava decine di operai prelevandoli dalle campagne.

Sono storie di cui sentiamo il bisogno, ormai abituati, quasi assuefatti al solo sentire la parola Ilva, proiettati in un orizzonte più mediatico che narrativo.

Abbiamo bisogno di una scrittura che ci restituisca la vita irrespirabile, l inconciliati di fronte al ricatto: Meglio morire di cancro, che di fame.

Incontriamo la scaltrezza di Doppiacoppia, soprannome della guida alla centrale nucleare del Garigliano.

Questo ex allevatore aveva la proprietà Gå Ner I Vikt På En Vecka vicino alla centrale e ha documentato gli esiti della prossimità con fotografie risalenti alla fine degli anni Settanta, quando la centrale era ancora in funzione.

Io ho visto tirare fuori dal ventre di una vacca un vitello con due teste. La centrale nucleare è diventata un per me. Una specie di nuovo Dio creatore.

La vicinanza è diventata per lui un business, e il bestiame sterminato dalle malattie una fonte di guadagno: un americano gli ha dato 100mila dollari per il corpo del vitello, poi se l imbalsamato nello studio di casa. Era un nella quale i morti di leucemia, di tumore non facevano notizia, anche perché, a poche decine di chilometri di distanza, c il divertimento marino di Baia Domizia.

Ma cosa sappiamo, davvero, dello smaltimento in mare delle scorie nucleari italiane?

E una volta che, oggi, pensiamo di sapere tutto, quanto Gå Ner I Vikt Snabbt possiamo incidere?

L ci racconta anche luoghi nei quali il trauma della trasformazione sembra essere stato assorbito.

A Crespi d tra Milano e Bergamo, c un ex cotonificio, un villaggio operaio ora diventato patrimonio dell vi è alcun segnale di degrado, né di distruzione, né di gloria passata, né di UGG Scarpe Prezzi miseria a Crespi d Tutto è decoroso.

La fine dell produttiva pare essere accaduta senza lacerazioni.

la parte in cui Liviano D trova meglio la vicinanza al suo modello dichiarato, Sebald.

A volte, viceversa, incappa in alcune cadute stilistiche (la natura, stuprata), ma complessivamente si tratta di un Gå Ner I Vikt Snabbt Piller esperimento riuscito, come la descrizione di Palermoo il parallelo tra il luna park d e il LunEur.

Al capitolo su Adriano Olivetti si potrebbero aggiungere le macerie invisibili, silenziose e virtuali, quelle della odierna Ivrea, dove operano aziende di terziario, lontanissime dalle idee virtuose di Olivetti. Del resto, capita sempre così, allontanandosi.

Dobbiamo perdere qualcosa, e in un senso di crescente estraneità verso i luoghi, esiliare una parte di noi per capire, solo dopo la nostra partenza, come l di un orizzonte sia invisibile sedimentazione, e il suo improvviso manifestarsi ciò che viviamo.