mercato

Il principe inesistente

Il principe inesistente

Una sera d’inverno del 1513 una figura indistinta s’avviava verso una modesta casa signorile a Sant’Andrea in Percussina, a pochi chilometri da Firenze. Si era levata in piedi dalla panca della taverna, aveva scansato carte e dadi, e fatto un cenno di saluto con la mano. Era Niccolò Machiavelli, oppresso dalla condanna al confino che il gioco non bastava UGG Bambina a fargli dimenticare. Poco più di un anno prima era stato protagonista della scena politica fiorentina, ma al rientro al potere dei Medici la Fortuna gli aveva voltato le spalle.

Il brusco cambio di regime lo aveva privato dell’impiego. Il suo presunto coinvolgimento in una congiura antimedicea gli era costato la tortura, il carcere e il confino. Gli rimaneva ora una sola missione da compiere: tornare nelle grazie della famiglia più potente di Firenze. Lo avrebbe fatto chinandosi ogni sera sulla scrivania del suo studiolo, dopo aver indossato con riguardo i panni curiali. Gå Ner I Vikt Snabbt Piller Avrebbe preso in mano la penna, l’avrebbe intinta nell’inchiostro e avvicinata alla pagina scura per l’ombra del capo. Avrebbe scritto Il principe e dedicato a Lorenzo de’ Medici, nipote del Magnifico: non voleva passare alla storia, voleva solo riottenere il suo posto nella Cancelleria fiorentina. Qualsiasi impiego andava bene, anche rotolare un sasso per la dominante famiglia dei Medici.

Un Machiavelli umanissimo prende vita nelle pagine del Principe inesistente, il suo ritratto fedele che rovescia l’immagine Går Man Ner I Vikt algida di genio politico. Abile diplomatico e mentitore dolorosamente incapace, Scarpe UGG Donna acuto pensatore e sognatore su per il pero, scaltro intrallazzatore e scommettitore imprudente, propagandista calcolatore e avventatamente ironico. Sullo sfondo Niccolò Capponi dipinge una Firenze plastica e pulsante, i palazzi delle grandi famiglie, Gå Ner I Vikt Snabbt le strade dove, Scarpe UGG Sito Ufficiale nel vocìo del vernacolo, si mescolano motteggi perfidi e arguti di aristocratici, bottegai, frati e donne dagli affetti negoziabili.

Niccolò Capponi, fiorentino fin dal tredicesimo secolo, divide il suo tempo tra Går Man Ner I Vikt la scrittura di storia militare, rinascimentale e della sua patria, non trascurando di tormentare i suoi studenti, tanto malaccorti da seguire i corsi che tiene presso istituti americani Gå Ner I Vikt Snabbt nella sua città natale. Per il Saggiatore ha pubblicato Lepanto 1571 (2008), La battaglia di Anghiari (2011).