Giro

Dolce insulta i figli della provetta e Gabbana fa la vittima

Dolce insulta i figli Peuterey Donna della provetta e Gabbana fa la vittima

Stefano Gabbana ha risposto sul della Sera di lunedì 16 marzo alla polemica iniziata da Elton John su Instagram per le loro dichiarazioni su figli in provetta e famiglia tradizionale. Il popolare cantante ha criticato aspramente i due stilisti per la loro intervista a a con tanto di campagna di boicottaggio dei loro prodotti avviata sui social, in cui Stefano Dolce aveva difeso la famiglia tradizionale con queste parole. Non l inventata mica Peuterey Bambino noi la famiglia. L resa icona la Sacra famiglia, ma non c religione, non c stato sociale che tenga: tu nasci e hai un padre e una madre. O almeno dovrebbe essere così, per questo non mi convincono quelli che io chiamo figli della chimica, i bambini sintetici. Uteri in affitto, semi scelti da un catalogo. E poi vai a spiegare a questi bambini chi è la madre. Procreare deve essere un atto d oggi neanche gli psichiatri sono pronti ad affrontare gli effetti di queste sperimentazioni La critica verso i sintetici ha fatto imbestialire Elton John, che ha avuto due bambini con il suo compagno grazie all artificiale. Stefano Gabbana ha sfidato un po la decenza spiegando come le dichiarazioni di Domenico Dolce non fossero offensive verso le persone nate con la fecondazione in vitro. Tutta questa campagna è nata online, sul nulla, mettendoci in bocca parole non nostre per volontà di un gruppo di attivisti gay in malafede e poi si è allargata. Domenico ha detto che preferirebbe la famiglia classica, è la sua opinione. Non è a suo agio con la fecondazione assistita, è il suo imprinting tradizionale siciliano. Io la vedo diversamente da lui. Nel rispetto reciproco Le frasi di Gabbana, che stigmatizzano Peuterey Outlet l subita sui social media per le loro posizioni diverse sulla famiglia tradizionale, appaiono ispirate a una logica vittimistica fin troppo patetica. Domenico Dolce ha espresso un molto netta sulla fecondazione in vitro, dai toni piuttosto offensivi. Definire sintetici persone esattamente uguali agli altri avrebbe meritato un di errore invece che lo sfoggio di vittimismo esercitato dal suo compagno d Stefano Dolce.